balcone solare

Balcone solare

2x FU190M NEXT + Rhino 350 W

Il kit plug & play che trasforma il tuo balcone in una centrale elettrica con la spina.

  • Ideale per installazioni su balconi, terrazze, giardini
  • Impianto Plug&Play fino a 350 W
  • Wi-Fi integrato per immediata lettura della resa mediante App o Pc
  • Potenza parzializzabile
  • Garanzia di 12 anni sul prodotto
  • Tolleranza positiva 0-5 Wp
  • Celle 5 A, ideali per applicazioni off-grid
  • Vetro temperato da 3,2 mm per garantire il migliore equilibrio tra la massima resistenza meccanica e la trasparenza
  • Elevata stabilità meccanica (5400 Pa)
  • Massima resistenza d’urto alla grandine (83 km/h)
  • Idrorepellente e trattamento antiriflesso, per accrescere il rendimento e ridurre il deposito di polvere.

SPECIFICHE TECNICHE:

  • Dimensioni: 1480 x 670 x 30 mm
  • Peso: 10 kg
  • Vetro: temperato, trasparente, 3,2 mm
  • Incapsulante celle: EVA
  • Celle: 36 in silicio monocristallino 156×156 mm
  • Backsheet: poliestere multistrato
  • Cornice: in alluminio anodizzato, con fori di montaggio e drenaggio
  • Scatola di giunzione: Certificata secondo IEC 62790, IP 68 approvato

Garanzia di rendimento

Decadimento max: 0,7% all’anno su una durata di 25 anni.
97% alla fine del primo anno
90% alla fine del 12° anno
82% alla fine del 25° anno

  • La soluzione perfetta per i balconi solari e i piccoli impianti domestici
  • Wi-Fi integrato per immediata lettura della resa
  • Potenza parzializzabile
  • Conforme agli standard e alle certificazioni On Grid EU/US/Asia

SPECIFICHE TECNICHE:

  • Dimensione: 165 mm x  176 mm x  38 mm
  • Peso netto: 0,82 kg
  • Grado di impermeabilità: Ip67 Nema6
  • Modalità di dissipazione del calore: Autoraffreddamento
  • Modalità di comunicazione: WIFI/433 MHz
  • Modalità di trasmissione di potenza: Trasmissione inversa, priorità di carico
  • Rilevamento elettromagnetico: EN50081.part1EN50082.part1.CSA STD.C22.2 No
  • Norma di rete elettrica: EN61000-3-2 EN62109.UL STD.1741
  • Rilevamento rete elettrica: DIN VDE0126 VDE4105 IEEE STD.1547.1 1547.A

Garanzia prodotto

5 anni

FAQ

Se il mio impianto produce più energia dei consumi dell’abitazione l’energia in immissione come viene gestita dal contatore?

Successivamente alla comunicazione al distributore locale è lo stesso distributore che deve abilitare il contatore in modo che legga correttamente le eventuali immissioni. L’energia immessa verrà ceduta gratuitamente.

In ogni caso, per kit con potenza nominale di 350 W è difficile prevedere rese superiori ai 250 W istantanei considerando una installazione in Italia con moduli in verticale. Tale produzione di picco, che si potrebbe ottenere solo nelle ore centrali della giornata, è quasi sempre inferiore al consumo di base di una abitazione media che si aggira tra i 200 e i 300 W (per esempio: frigorifero 150 W, wifi 15 W,  stand-by vari 15 W,  caldaia 50 W).

Quanta energia si può produrre in anno con questo kit?

L’energia prodotta dipende dalla località, dall’orientamento e dell’inclinazione del modulo. Potete fare un calcolo preciso con questo tool. Altrimenti considerate una ipotesi media che può variare da 300 a 400 kWh/anno in Italia.

Perché la struttura di supporto non è inclusa?

Il fissaggio dei moduli fotovoltaici deve essere studiato con attenzione caso per caso. Non crediamo che una struttura standard sia la soluzione migliore. La sicurezza dell’installazione è fondamentale e deve essere valutata caso per caso, preferibilmente da un installatore professionale.

Il kit è Plug&Play anche se la potenza dei moduli supera i 350 W?

Si, il kit è considerato Plug&Play anche con potenze dei moduli superiori. Ai sensi della CEI 0-21:2019-04 alla definizione 3.54 è specificato che “… la potenza nominale coincide con il valore minore tra la potenza nominale dell’inverter e la somma delle potenze STC dei moduli FV.” Pertanto con un inverter di potenza massima 350 W l’impianto si considera Plug&Play.

Se l’impianto viene installato in un condominio ci sono problemi? Cosa devo fare?

È necessario inviare una comunicazione preventiva al condominio riguardo l’installazione di un impianto fotovoltaico destinato al servizio del proprio appartamento, sulla ringhiera/parapetto del proprio balcone, in ciò confortato dalla previsione normativa, di cui all’art. 1122 bis del Codice Civile (legge 220/2012). Tale articolo ha concesso la possibilità ai singoli condomini di installare pannelli fotovoltaici senza il preventivo consenso dell’Assemblea: è infatti scritto che

“É consentita l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità del condominio sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell’interessato”.

Un fac-simile di comunicazione preventiva è scaricabile qui.

L’amministratore o i condomini non si possono opporre a meno di non dimostrare il venire meno del decoro dello stabile: considerando la quantità di antenne paraboliche, stendini o altro nei nostri balconi è una tesi pressoché impossibile da sostenere.

Il kit è detraibile?

Si, kit fotovoltaici da balcone possono beneficiare delle detrazioni fiscali ma solo se si effettua il pagamento con bonifico bancario parlante. Questo significa che è possibile portare direttamente in detrazione il 50% della spesa sulla dichiarazione dei redditi (10 rate pari a 5% del valore fatturato).

Mentre è certa la detrazione per chi è proprietario dell’immobile, più dubbia pare l’effettiva applicabilità per chi è solo inquilino. In tal senso siete pregati di confrontarvi con il vostro commercialista.

È obbligatoria la certificazione CEI 0-21 per i kit Plug&Play?

Si, anche per i piccoli impianti sotto i 350 Watt (così come per quelli fino a 800 W) è obbligatorio che il microinverter sia certificato secondo la norma CEI 0-21. Purtroppo sul mercato e in particolare su diversi marketplace online si trovano molti inverter che non sono certificati e pertanto non andrebbero connessi alla rete.

Contattaci

i tuoi progetti / i tuoi mercati / le tue richieste: